Concorso LEGO® Master Builder d’Italia: la FINALE!

Giugno 29, 2019
Di Frank4bricks

Si è svolta oggi a Milano, presso la bellissima struttura “La Stamperia” di Milano, la finale del Concorso “LEGO® Master Builder d’Italia 2019“.
Ecco come è andata!

Sabato 29 giugno, sono le ore 9:30 del mattino, e fuori dalle porte de “La Stamperia” di Milano sono già in attesa buona parte dei finalisti del concorso.

Sono 21 e arrivano da tutta Italia, dopo essersi conquistati il proprio posto in finale durante una delle 7 tappe del concorso: Milano, Verona, Palermo, Bari, Napoli, Roma e Ancona.
Sono accompagnati da tutta la famiglia, e papà e mamma sono forse i più agitati di tutti. C’è chi è arrivato con il trolley per il viaggio e chi si è portato anche la scatola con all’interno l’opera che gli è valsa la partecipazione alla tappa scelta per tentare l’impresa di essere il vincitore del Concorso.
Tre categorie: 5-7 anni, 8-11 anni e 12-16 anni. Tutti bravissimi.

Arrivano le ore 10:00, e finalmente le porte si aprono. Brevissima sosta al desk per la registrazione e poi via, di corsa ai tavoli.

Tutti sono prontissimi a cominciare a costruire, ma prima di cominciare, il benvenuto e i ringraziamenti di Paolo Lazzarin, l’Amministratore Delegato di LEGO Italia, l’incoraggiamento a costruire e a usare la propria creatività di Riccardo Zangelmi , il LEGO® Certified Professional italiano!

Terminati i “convenevoli”, via. Si parte con la gara.

Nel mentre che i 21 finalisti si sfidavano nel… “campo di gara”, noi siamo andati nell’area adiacente a curiosare tra le opere portate dai finalisti stessi

e quelle invece realizzate dall’LCP Riccardo Zangelmi, che per l’occasione ha voluto portare con sè alcune delle sue opere più creative, oltre naturalmente a quelle utilizzate nella campagna pubblicitaria con la quale LEGO Italia ha promosso il concorso.

Si sa, costruire mette appetito, quindi verso le 12:30 tutti, finalisti, genitori, staff e ospiti… tutti al buffet allestito da LEGO Italia… e qui non è il caso di scendere i dettagli… perchè di cose buone ce ne erano davvero tante, se capite cosa vogliamo dire!

Durante questa stuzzicante pausa, “qualcuno” degli ospiti si è dedicato a farsi un po’ di selfie “in giro” tra le opere portate dai finalisti…

Anche la “Star” dell’evento, Riccardo Zangelmi, ha avuto il suo bel da fare durante la pausa… eccolo infatti intento a farsi intervistare!

Satolli e rifocillati, i finalisti sono stati riportati sul… “terreno di gara”, ma non per gareggiare, bensì per costruire insieme. Eh si, perché se anche si sta parlando di una competizione, in fondo i l”nocciolo della questione” è che giocare con i mattoncini ti permette non solo di costruire case, astronavi o farfalle. Il mattoncino ti permette anche di costruire amicizie, collaborazioni e sano divertimento. Durante tutta la giornata infatti, tra una “gara valevole per il titolo” e l’altra, i finalisti sono stati coinvolti in varie attività di costruzione a gruppi, durante le quali sono tornati ad essere quello che sono nella vita di tutti i giorni: bambini che giocano con i mattoncini insieme ai loro amici. Il risultato? Valutate con i vostri occhi!

Nel mentre che due dei tre gruppi si cimentavano in una delle prove del Concorso, un terzo gruppo partecipava invece al workshop di Riccardo (Zangelmi)

per imparare da un vero e proprio Artista del Mattoncino tecniche e trucchi del mestiere. Ovviamente il modello da realizzare nel corso del workshop scelto da Riccardo per ciascuno dei 3 gruppi era commisurato all’età dei membri del gruppo stesso quanto a difficoltà e tecniche di costruzione utilizzate.

Ecco dunque una “faccina” per i più piccoli

un fiore per i “junior”

e un “ippopotamo” per i “grandi”


Nel frattempo, come detto, chi non partecipava al Workshop, si cimentava nella “blind build” (costruire un modello “alla cieca”, cioè “tastando” i pezzi celati alla vista e utilizzando solo il tatto per riconoscerli e cercando di ricostruire un modello di esempio mostrato loro dalla giuria)

Fase finale della giornata (dopo una lauta “pausa merenda” a base di una squisitissima torta e tanta frutta fresca): sfida di creatività!
Ai finalisti è stato infatti chiesto di “andare a fare la spesa” di mattoncini (in ceste messe loro a disposizione dalla giuria) e di costruire un modello di propria scelta. Ve ne riportiamo un carrellata qui di seguito. Giudicate voi.

Terminato il racconto della propria opera a giuria e pubblico

oznor

a tutti i finalisti sono stati consegnati la medaglia e l’attestato di partecipazione, rispettivamente create ed autografati da Riccardo Zangelmi, che avrà sicuramente visto un po’ di sè in ciascuno dei 21 piccoli “Mastri Costruttori”.

Siamo a questo punto giunti quasi alla fine della giornata, arrivando al tanto atteso momento della premiazione dei tre LEGO® Master Builder d’Italia, uno per ciascuna categoria/fascia d’età!

Complimenti a tutti i “Mastri Costruttori” che in tutta Italia hanno partecipato al Concorso, complimenti ai 21 finalisti e congratulazioni ai LEGO® Master Builder d’Italia 2019, ai quali auguriamo anche “buon viaggio”, dato che li aspetta la LEGO House di Billund in Danimarca, dove potranno perfezionare le loro tecniche di costruzione grazie a materiali esclusivi, partecipare alla più esclusiva esperienza di costruzione a 360 gradi e godersi una full immersion 100% nel colorato mondo dei mattoncini che amano tanto!

In questo video, qualche “numero” del concorso, così che possiate capire il livello di questi 21 “alfieri del mattocino”!

Un ringraziamento da parte nostra va invece a LEGO Italia per averci invitato ad assistere all’evento.

Buona costruzione!

A proposito di

Appassionato costruttore e collezionista di LEGO Technic, inganna il tempo tra una uscita di set LEGO e l’altra, costruendo LEGO City, LEGO Architecture e…non tutto si può svelare! Per BrianzaLUG è colui che si occupa attivamente dell'organizzazione di Eventi e Mostre. Non fa parte dei Padri Fondatori di BrianzaLUG, ma si mette in luce per volontà e impegno aiutando in modo non indifferente la crescita del Gruppo. A fine 2014 entra a votazione unanime a far parte del Consiglio Imperiale.

Lascia un commento